INFO MAROCCO

IL MAROCCO

Nome ufficiale : Regno del Marocco
Tipo di governo : Monarchia costituzionale, democratica parlamentare e sociale
Capo di Stato : il Re Mohammed VI
Capo del governo : Abdelilah Benkirane
Potere legislativo bicamerale : Camera dei rappresentanti e Camera dei consiglieri
Religione : Islam sunnita di rito malekita. Oltre ai musulmani sono presenti anche cattolici ed ebrei.
Lingue ufficiali : arabo e berbero
Altre lingue : francese, spagnolo (nord del Marocco)
Capitale : Rabat

Biografia di Sua Maestà il Re Mohammed VI



Sua Maestà il Re Mohammed VI nasce il 21 agosto 1963 al Palazzo Reale di Rabat.
Figlio di Sua Maestà il Re Hassan II, è il ventitreesimo Sovrano della Dinastia Alaouita, che regna dalla metà del XVII secolo.
La Famiglia Reale, discendente diretta del Profeta Mohammed, si è stabilita, a metà del XIII secolo, a Sijilmassa (Tafilelt) nel Sud del Regno del Marocco.

Studi e formazione accademica:
All’età di quattro anni suo padre lo iscrive alla scuola coranica del Palazzo Reale.
Studi primari e secondari al Collège Royal. Ottiene il Diploma di Maturità nel giugno del 1981.
Studi superiori di Giurisprudenza presso la Facoltà di Scienze Giuridiche, Economiche e Sociali dell’Università Mohammed V di Rabat.
Nel 1985 Discute la tesi di laurea triennale sull’ “Unione Arabo-Africana e la strategia del Regno del Marocco in materia di relazioni internazionali”.
Nel 1987 Ottiene il Primo Certificato di Studi Superiori (C.E.S) in Scienze Politiche con lode
Nel 1988, Sua Maestà il Re Mohammed VI ottiene il secondo Certificato in diritto pubblico, sempre con lode.
Il 29 ottobre 1993, ottiene il titolo di Dottore in Giurisprudenza cum laude dopo aver discusso, presso l’Università di Nizza Sophia-Antipolis in Francia, la sua tesi di dottorato intitolata : “La cooperazione tra la Comunità Economica Europea e l’Unione del Maghreb Arabo”.
Il 22 giugno 2000 è nominato Dottore Honoris Causa dall’Università di George Washington.
E l’autore di un’opera e di vari articoli sulla cooperazione euro-maghrebina.
Il 17 novembre 1988, inizia uno stage di formazione di sei mesi a Bruxelles, presso l’ufficio di Jacques Delors, Presidente della Commissione della Comunità Europea.
Lingue scritte e parlate : Arabo, Francese, Spagnolo e Inglese.
Sua Maestà il Re Mohammed VI pratica numerose attività sportive.
Abituato ai compiti ardui sin dalla tenera età, Mohammed VI era spesso incaricato da suo padre di effettuare importanti missioni presso Capi di Stato fratelli e amici, e partecipava ad incontri a livelli nazionale, arabo, islamico, africano e internazionale.
Compie la sua prima missione ufficiale all’estero il 6 aprile 1974, per rappresentare Hassan II alla Funzione Religiosa celebrata presso la Cattedrale « Notre Dame de Paris » in memoria del Presidente francese Georges Pompidou.

Intronizzazione
Dopo il decesso avvenuto il 23 luglio 1999 del Re Hassan II, Mohammed VI accede al Trono conformemente all’articolo 20 della Costituzione del Regno: Il venerdì 23 luglio 1999 si svolge la Cerimonia di presentazione della BEIA (giuramento di fedeltà) a sua Maestà il Re Mohammed Ibn Al Hassan Ben Mohamed, Amir Al Mouminine presso la Sala del Trono del Palazzo Reale a Rabat. Il 30 luglio 1999 si svolge la cerimonia di intronizzazione di Mohammed VI, Amir Al Mouminine, il quale effettua solennemente la preghiera del venerdì e pronuncia il suo primo discorso da Re, al Palazzo Reale di Rabat. Questa data diventa, ufficialmente, il giorno della Festa del Trono.
Il 12 luglio 2002 viene celebrato a Rabat, il matrimonio di Sua Maestà il Re Mohammed VI con Sua Altezza Reale la Principessa Lalla Salma.
L’8 maggio 2003, nasce a Rabat Sua Altezza Reale il Principe Ereditario Moulay El Hassan.
Il 28 febbraio 2007, nasce a Rabat Sua Altezza Reale la Principessa Lalla Khadija.

La Costituzione

"Fedele alla sua scelta irreversibile di costruire uno Stato di diritto democratico, il Regno del Marocco continua risolutamente il processo di consolidamento e rafforzamento delle istituzioni di uno Stato moderno, avendo come fondamento i principi di partecipazione, di pluralismo e di buona governance".

Preambolo della nuova Costituzione del 2011, paragrafo 1.

Riferimento: Bollettino Ufficiale n ° 5964 bis del 28 Chaâbane 1432 (30 luglio 2011)

Segretariato Generale del Governo (Direzione della Tipografia Ufficiale)

La bandiera del Regno del Marocco

Stemma del Marocco

Festività nazionali

  • 1° gennaio: capodanno
  • 11 gennaio: anniversario del manifesto dell’indipendenza
  • 1° maggio: festa del Lavoro
  • 30 luglio: festa del Trono
  • 14 agosto: anniversario del recupero di Oued Eddahab
  • 20 agosto: anniversario della rivoluzione del Re e del popolo
  • 21 agosto: festa della gioventù
  • 6 novembre: anniversario della Marcia Verde
  • 18 novembre: festa dell’indipendenza

Feste religiose

  • 1°chawal: aïd Al-Fitr (Festa della rottura del digiuno)
  • 10 dhou al-hijja: aïd Al-Adha (Festa del sacrificio)
  • 1er moharram: capodanno dell’egira
  • 12 rabia al-awal: aïd Al-Mawlid Annabawi (Nascita del profeta Maometto)

Operazioni referendarie

Poiché il Marocco ha optato sin dall’indipendenza per un sistema politico democratico e pluralista, la tradizione venne istituita e consacrata nel Paese dal 1962come tale, in special modo attraverso consultazioni elettorali e referendarie.

Referendum costituzionali, elezioni legislative, elezioni comunali ... Tutte queste operazioni hanno permesso al popolo marocchino di esprimere liberamente la propria volontà e di esercitare in modo effettivo e senza equivoci la sua piena sovranità.

Referendum

Referendum costituzionale del 7 dicembre 1962;
Referendum costituzionale del 24 luglio 1970;
Referendum costituzionale del 1° marzo 1972;
Referendum per l’emendamento dell’articolo 21 della Costituzione - 23 maggio 1980;
Referendum per l’emendamento degli articoli 43 e 95 della Costituzione - 30 maggio 1980;
Referendum relativo all’Unione Arabo-Africana - 31 agosto 1984;
Referendum relativo alla proroga di due anni del mandato dei membri del Parlamento - 1° dicembre 1989;
Referendum relativo alla revisione della Costituzione - 4 settembre 1992.
Referendum relativo alla revisione della Costituzione del 1992 - 13 settembre 1996.
Referendum costituzionale del 1° luglio 2011.

Autorità giudiziaria

Secondo la Costituzione del Regno, il potere giudiziario è indipendente dal potere legislativo e da quello esecutivo. Il Re è il garante dell'indipendenza del potere giudiziario (articolo 108). I magistrati giudicanti sono inamovibili (articolo 109).

È vietato qualsiasi intervento nei casi sottoposti alla giustizia. Nella sua funzione giudiziaria, il giudice non può ricevere ingiunzioni o istruzioni, né essere sottoposto ad alcuna pressione. Ogni volta che ritiene che la sua indipendenza è minacciata, il giudice deve informarne il Consiglio Superiore della Magistratura.

Ogni mancanza da parte del giudice verso i suoi doveri di indipendenza e imparzialità, costituisce un grave errore professionale, fatte salve le eventuali conseguenze legali. La legge punisce chiunque tenti illegalmente di influenzare il giudice.

Monarchia

La chiave di volta nel nuovo dispositivo costituzionale è senza dubbio l'articolo 1 che pone, immediatamente e inequivocabilmente, i principi regolatori del sistema politico marocchino nella sua nuova configurazione: "Il Marocco è una monarchia costituzionale, democratica, parlamentare e sociale. Il sistema costituzionale del Regno si basa sulla separazione, l'equilibrio e la collaborazione dei poteri, nonché sulla democrazia civica e partecipativa, e sui principi di buon governo e la correlazione tra la responsabilità e il rendiconto, " paragrafo 1.

Ritratto di Sua Maestà il Re

Organizzazioni

Il Marocco è una democrazia pluralista, tutte le Costituzioni del Regno hanno quindi ribadito il principio per cui "Non ci può essere un partito unico" (articolo 7 della nuova Costituzione del 2011). Pertanto i partiti politici, le organizzazioni sindacali, le collettività locali e le camere professionali sono abilitati a contribuire all’organizzazione e alla rappresentazione dei cittadini.

I partiti politici

L'articolo 7 della nuova Costituzione prevede: "I partiti politici lavorano all’inquadramento e alla formazione politica delle cittadine e dei cittadini, alla promozione della loro partecipazione alla vita nazionale e alla gestione degli affari pubblici. Contribuiscono all’espressione della volontà degli elettori e partecipano all'esercizio del potere, sulla base del pluralismo e dell'alternanza con mezzi democratici, nel quadro delle istituzioni costituzionali. La loro costituzione e l’esercizio delle loro attività sono liberi, nel rispetto della Costituzione e della legge. Non ci può essere un partito unico.

I sindacati

Avendo optato per il pluralismo politico, il Marocco si è impegnato molto presto sulla via del pluralismo sindacale. Inoltre, l'articolo 8 della nuova Costituzione afferma: "Le organizzazioni sindacali dei dipendenti (...) contribuiscono alla difesa e alla promozione dei diritti e degli interessi socio-economici delle categorie che rappresentano. La loro costituzione e l’esercizio delle loro attività, in conformità con la Costituzione e la legge, sono liberi. "

Elenco dei partiti politici

Annuaire

PARTI DE LA JUSTICE ET DU DEVELOPPEMENT (P.J.D)

Secrétaire Général : Abdelillah BENKIRANE
Av. Abdelwahed Elmorakechi rue Elyafrani, N° 4 les orangers - Rabat -
Tél : 0537 20 88 62/037 20 88 68
E-mail : pjd@menara.ma
Site Web : http://www.pjd.ma

PARTI DE L'ISTIQLAL (P.I)

Date de création : 1944
Secrétaire Général : Hamid CHABAT
4, Avenue Ibn Toumert. Bab El Had - Rabat
Tél : 05 37 73 09 51 53/ 05 37 73 61 11/ 0537 73 61 33
E-mail : contact@Istiqlal.com
Site Web : www.istiqlal.ma

RASSEMBLEMENT NATIONAL DES INDEPENDANTS (R.N.I)

Date de création : 1978
Président : Salaheddine MEZOUAR
6, Rue Laos - Avenue Hassan II - Rabat
Tél : 05 37 72 14 20 / 24
Site Web : http://www.rni.ma

PARTI AUTHENTICITE ET MODERNITE (PAM)

Date de création : 2009
Secréaire Général : Mustapha BAKOURY
Secréaire Général : Mustapha BAKOURY
Site Web : http://www.pam.ma

UNION SOCIALISTE DES FORCES POPULAIRES (U.S.F.P)

Date de création : 1975
Président : Salaheddine MEZOUAR
Premier Secrétaire : Driss LACHGAR
9, Avenue Al Araar, Hay Ryad - Rabat
Tél : 05 37 56 55 11 / 12
E-mail : usfp@fusion.ma
Site Web : http://www.usfp.ma

MOUVEMENT POPULAIRE (M.P)

Secrétaire Général Délégué : Said AMESKANE
Avenue Patrice Lumumba, n°66 - Rabat
Tél : 05 37 76 73 20 / 05 37 76 64 31
Site Web : http://www.alharaka.ma

UNION CONSTITUTIONNELLE (U.C)

Date de création : 1983
Secrétaire Général : Mohamed ABIED
158, Avenue des FAR - Casablanca
Tél : 05 22 44 11 42/43/44/45
E-mail : union-constit@wanadoo.com

PARTI DU PROGRES ET DU SOCIALISME (P.P.S)

Date de création : 1974
Secrétaire Général : Mohamed Nabil BENABDALLAH
29, Avenue Mohammed VI, Route des Zaers - Rabat
Tél : 05 37 75 94 64 /66/99
Site web : http://www.ppsmaroc.com

PARTI TRAVAILLISTE

Secréaire Général : Abdelkrim Benatik
Rue Ksar Souk, n° 9 Hassan - Rabat
Tél : 05 37 20 33 30

MOUVEMENT DEMOCRATE SOCIAL (M.D.S)

Date de création : 1996
Secrétaire Général : Abdessamad ARCHANE
4, Avenue Mohammed VI, Route des Zaêrs-Soussi-Rabat
Tél. : 0537 63 9718 / 19

PARTI DU RENOUVEAU ET DE L'EQUITE (P.R.E)

Date de création : 2002
Président : Chakir ACHEHBAR
16,Rue Sebou, App.5, Agdal-Rabat
Tél. : 05 37 77 72 66

PARTI DE L'ENVIRONNEMENT ET DU DEVELOPPEMENT DURABLE

Secréaire Général : Karim HRITANE

PARTI AL AHD ADDIMOQRATI

Date de création : 2009 Secréaire Général : Najib OUAZZANI

PARTI DE LA GAUCHE VERTE

Secréaire Général : Mohammed FARES

PARTI DE LA LIBERTE ET DE LA JUSTICE SOCIALE

Secréaire Général : Miloud MOUSSAOUI

PARTI DU FRONT DES FORCES DEMOCRATIQUES (F.F.D)

Date de création : 1997
13, Bld Tarik Ibnou Ziyad - Hassan - Rabat
Tel. : 0537 66 16 25
E-mail: info.ffd@menara.ma Web: www.ffd.ma

PARTI DE L'ACTION (P.A)

Date de création : 1974
Secrétaire Général : Mohammed DRISSI
113, Avenue Allal Ben Abdellah - Rabat

PARTI DE L'UNITE ET DE LA DEMOCRATIE

Secréaire Général : Ahmed FITRI

PARTI SOCIALISTE UNIFIE (P.S.U)

Date de création : 2002
Secrétaire générale : Mme. Nabila MOUNIB
15, Imm. Maréchal Ameziane, Angle Rue Agadir et Rue Baghdad -BP: 15797- Casablanca
Tél : 05 22 48 59 02
Site : http://www.psu.ma

PARTI DE L'AVANT GARDE DEMOCRATIQUE ET SOCIALISTE (P.A.D.S)

Date de création : 1992
Secrétaire National : Abderrahmane BENAMEUR
54 , Av. de la Résistance Océan - Rabat
Tél/Fax. : 05 37 20 05 59

CONGRES NATIONAL ITTIHADI (C.N.I)

Date de création : 2001
Secrétaire Général : Abdesalam EL AZIZ
Résidence Al Bayda 1, Avenue Strasbourg - Casablanca
Tél. : 0522 44 76 64
E-mail : cnittihadi@caramail.com

PARTI DES FORCES CITOYENNES (P.F.C)

Date de création : 2001
Président : Abderrahim LAHJOUJI
353, Angle Bd Mohammed V et Avenue de la Résistance - Casablanca
Tél. : 0522 40 06 08
E-mail : citoyennes@iam.net.ma
Site : www.fc.ma

PARTI DE LA REFORME DU DEVELOPPEMENT (P.R.D)

Date de création : 2001
Secrétaire Général : Abderrahmane EL KOHEN
Avenue Pasteur,n°34-36 les Orangers- Rabat Youssoufia
Tél. : 05 37 70 38 01

PARTI MAROCAIN LIBERAL (P.M.L)

Date de création : 2002
Coordinateur National : Mohammed ZIANE
114, Avenue Allal Ben Abdellah 2éme étage Rabat
E-mail : pml@menara.ma

PARTI DU CENTRE SOCIAL (P.C.S)

Date de création : 1984
Secrétaire National : Lahcen MADIH

PARTI DE LA RENAISSANCE ET DE LA VERTU

Secréaire Général : Mohamed KHALIDI
Rue Baghdad, Imm. 9, app. 9 - Rabat

PARTI SOCIALISTE

Date de création: 2006
Secréaire Général : Abdelmajid BOUZOUBAA
Avenue Allal Ben Abdallah, n°78, 3ème étage - Rabat

ANNAHJ ADDIMOQRATI

Secréaire National : Mustapha Brahma

PARTI ANNAHDA

Secréaire Général : Chakib BENSOUDA

PARTI AL AMAL

Secréaire Général : Mohamed BANI

UNION MAROCAINE POUR LA DEMOCRATIE

Secréaire Général : Jamal MANDARI
Avenue de la Résistance, Rue Oslo, Imm 30, quartier l'Océan, Rabat

PARTI DE LA SOCIETE DEMOCRATIQUE

Secréaire Générale : Zhour CHEKKAFI

PARTI DE LA CHOURA ET DE L'ISTIQLAL (P.C.I)

Date de création : 1946
Secrétaire Général : Ahmed BELGHAZI

UNION NATIONALE DES FORCES POPULAIRES (U.N.F.P)

Date de création : 1959

PARTI DES NEO-DEMOCRATES

Secrétaire Général : Mohamed DARIF
Date de création : 2014

Organizzazioni sindacali marocchini (le più rappresentative)

Union Marocaine du Travail (U.M.T)

Secrétaire Général : Miloudi Moukharik
232, Avenue des FAR - Casablanca 20 000
Site : http://www.umt.ma

Confédération Démocratique du Travail (C.D.T)

Secrétaire Général : Mohamed Noubir Amaoui
64, Rue Mortada Palmier Maârif. Casablanca
Site : http://www.cdt.ma
E-mail : cdt@mis.net.ma

Union Générale des Travailleurs du Maroc (U.G.T.M)

Secrétaire Général : Mohamed Kafi Cherrat
9, Rue du Rif. Route de Médiouna - Casablanca
Site : http://www.ugtm.ma

Union Nationale du Travail au Maroc (U.N.T.M.)

Secrétaire Général : Mohamed Yatim
23, Immeuble Fleury - Bd. Mohammed V – Rabat
Site : http://www.untm.ma
E-mail : Adminutm@gmail.com

Fédération Démocratique Du Travail (F.D.T)

Secrétaire Général : Abderrahmane Azzouzi
12, rue Mohamed Diouri. Casablanca
Site : http://www.fdt.ma

Parlamento

"Il parlamento è composto da due Camere, la Camera dei Rappresentanti e la Camera dei Consiglieri. I loro membri detengono il mandato dalla Nazione. Il loro diritto di voto è personale e non può essere delegato. L'Opposizione è una componente essenziale di entrambe le Camere. Essa partecipa alle funzioni di legislazione e controllo come previste soprattutto dall’articolo 60 della nuova Costituzione. La primo Costituzione marocchina del 1963 aveva come filosofia al riguardo un Parlamento bicamerale, costituito dalla camera dei Rappresentanti e dalla camera dei Consiglieri. La camera dei Rappresentanti veniva eletta per quattro anni a suffragio universale diretto.

La camera dei Consiglieri era eletta per sei anni a suffragio universale indiretto. Due terzi venivano eletti da un collegio elettorale composto dai rappresentanti dei consigli comunali e per un terzo da un collegio composto dai rappresentanti delle camere professionali e delle organizzazioni sindacali.

Questa breve legislatura si è conclusa con un fallimento dopo 20 mesi durante i quali la breve maggioranza di governo, la forza dell'opposizione, le scissioni, le varie questioni, il diffuso malcontento, ecc. hanno avuto la meglio su questa giovane esperienza che si è interrotta con lo stato di emergenza che è durato dal 1965 al 1970, fino all'adozione di una nuova legge fondamentale.

La Costituzione del 31 luglio 1970 abbandona il bicameralismo e opta per una camera unica. La struttura parlamentare, se diventa unica a livello istituzionale, resta plurale nella sua composizione. Così, la Camera dei Rappresentanti è eletta per sei anni; i deputati hanno un'estrazione elettorale diversa: un terzo è eletto a suffragio universale diretto e due terzi a suffragio universale indiretto da collegi rappresentanti i consigli comunali, le camere professionali e i lavoratori dipendenti.

Le seguenti legislature, quelle del 1977, 1984 e 1993 sono unicamerali. Eletta per sei anni, la camera dei rappresentanti consiste nella proporzione dei due terzi dei membri eletti a suffragio universale diretto e nella proporzione di un terzo, dei membri eletti da un collegio composto da rappresentanti comunali e da membri eletti da collegi elettorali composti da membri delle camere professionali e dei rappresentanti dei lavoratori dipendenti.

La Costituzione riveduta del 13 settembre 1996 reintroduce il bicameralismo. La funzione legislativa subisce modifiche nel nuovo testo costituzionale con la creazione di una nuova procedura di navetta tra le due camere: si tratta di proposte e di progetti di legge da sottoporre a entrambe le camere. In caso di non accordo tra le due camere su un testo identico, il governo deve istituire una commissione paritetica per ottenere l'adozione di un testo unico.

In caso di non accordo, anche dopo la presentazione del testo da parte della commissione mista paritetica, l'ultima parola spetta alla camera dei Rappresentanti. Nella nuova Costituzione del 2011, il bicameralismo essendo sempre applicato (articolo 60), i membri della camera dei Rappresentanti sono eletti per cinque anni a suffragio universale diretto, mentre il mandato di quelli della camera dei Consiglieri è di sei anni, una volta eletti a suffragio universale indiretto. Da notare qui le sostanziali modifiche apportate dal nuovo testo costituzionale, in particolare per quanto riguarda la durata del mandato dei consiglieri, la composizione della loro camera, il loro modo di elezione per ciascuno dei collegi elettorali e le loro prerogative.

Le prerogative del Parlamento

Le prerogative del Parlamento riguardano le aree della produzione legislativa e quella del controllo dell'azione di governo.

Dati Geografici e Clima

Il Regno del Marocco è situato al Nord-Ovest dell’Africa. È delimitato a Nord dallo Stretto di Gibilterra e dal Mar Mediterraneo, a Ovest dall’Oceano Atlantico, a Est dall’Algeria e a Sud dalla Mauritania. Superficie : 710.850 km² con un litorale di circa 3500 Km di costa con due litorali : atlantico (2.934 km) e mediterraneo (512 km).

Geografia : zone montagnose e forestali (Rif, Medio Atlante, Alto Atlante, Anti Atlante) ; pianure costiere e altipiani ai margini delle rive ; altipiani aridi a est , valli presahariane e Sahara.
Principali città : Casablanca, Fez, Marrakech, Tangeri, Agadir, Meknes, Oujda, Dakhla e Laayoune.
Principali fiumi: Moulouya, Sebou, Loukkos, Bouregreg, Drâa, Oum Rbia, Souss, Tensift, Ziz.
Clima : mediterraneo temperato e caldo con caratteristiche oceaniche a nord e a ovest, continentali al centro e a est e desertiche al sud. Vi sono due grandi stagioni : secca e calda da maggio a settembre, più fredda e umida da ottobre ad aprile.

Dati demografici

Popolazione : 33,7 milioni di abitanti, di cui 60% in ambito urbano - 45% hanno meno di 25 anni.
Densità : 72 abitanti/km²
Crescita demografica : + 1,0%
Tasso di natalità : 18,8 ‰
Tasso di mortalità : 5,6‰
Speranza di vita : 75 anni
Popolazione attiva : 48,3%

Dati economici (2014)

PIL : 111,74 Mds $ (104 Mds)
PIL per abitante: 3.368 $ (3.010 €)
Tasso di crescita : 2,7% (HCP)
Tasso d’inflazione : 2,5%
Volume di scambi commerciali (2014) : Esportazioni 16,70Mds € ; Importazioni 32,56 Mds €
Principali prodotti esportati : Fosfati e derivati– automobile – agricoltura e agroalimentare – tessile e cuoio – elettronica – aeronautica
Principali prodotti importati : prodotti energetici e idrocarburi – prodotti finiti di consumo – beni strumentali – automobili e autoveicoli di turismo
Principali clienti: Francia, Spagna, Brasile, Stati Uniti, Italia, India (Ufficio cambi)
Principali fornitori: Spagna, Francia, Stati Uniti, Cina, Arabia Saudita, Italia
Moneta : Dirham marocchino (MAD)
Tasso di cambio: 1 MAD = 0.092 Euro, 1 MAD = 0.103 USD

I siti classificati Patrimonio mondiale UNESCO

Medine :
Medina di Fez (1981) – Medina di Marrakech (1985) – Ksar di Aït-Ben-Haddou (1987) – Città storica di Meknes (1996) – Medina de Tetouan (1997) – Sito archeologico di Volubilis (1997) – Medina di Essaouira (2001) – Città portoghese di Mazagan (El Jadida nel 2004) – Rabat, capitale moderna e città storica : un patrimonio comune (2012)

http://www.data.gov.ma/data
http://www.hcp.ma/
http://www.invest.gov.ma
https://www.diplomatie.ma
http://www.oc.gov.ma/

©Ambasciata del Regno del Marocco - Italia - Via Brenta n° 12/16 – 00198, Roma - Tel: (+39) 06.85508001 / 06.8550801 - Fax: (+39) 06.4402695 - e-mail: ambmaroccoroma@maec.gov.ma