MAROCCO DOSSIER

Agricoltura con segno positivo

Béni Mellal, 11/12/2018 – Il numero di progetti realizzati dal lancio dieci anni fa del Piano del Marocco verde (PMV) nella regione di Béni Mellal-Khénifra ammonta a 88 progetti realizzati a un costo di circa 5,6 miliardi di dirham, a beneficio di non meno di 89.000 agricoltori, secondo un rapporto della Direzione Regionale dell’Agricoltura della regione.

Dalla stessa fonte, apprendiamo che il settore agricolo ha registrato un enorme balzo in avanti grazie all’attuazione del Piano agricolo regionale (PAR), in particolare in termini di area significativamente più elevata dedicata agli alberi da frutto, la risparmio idrico grazie alle ultime tecniche sul campo e alla valutazione di varie altre colture.

Per quanto riguarda il settore della barbabietola da zucchero, la stagione passata è stata eccezionale con raccolti record, oltre 1 milione di tonnellate con una resa di 78 tonnellate per ettaro, grazie alle misure adottate, in particolare la generalizzazione delle sementi selezionate, la meccanizzazione l’operazione di coltivazione e raccolta, nonché l’accompagnamento dei produttori di barbabietola da zucchero.

Secondo lo stesso rapporto fornito alla MAP, l’effetto positivo del piano agricolo regionale è stato registrato anche nel settore degli agrumi, con aree coltivate che hanno superato del 19% le previsioni per l’anno 2020. In totale, 19.226 ettari di cui 16,680 irrigati e una produzione prevista di 499.000 tonnellate nella stagione in corso.

Per quanto riguarda il recupero dei prodotti, sono state create due nuove unità di stoccaggio e confezionamento con una capacità di oltre 40.000 tonnellate ciascuna. Nel settore olivicolo, il rapporto indica che le previsioni fissate per il 2020 sono già state raggiunte a livello dell’area coltivata, stimando la produzione durante questa stagione a circa 240.000 tonnellate nella regione di Beni Mellal-Khénifra.

Sempre in termini di valorizzazione del prodotto, la relazione menziona la creazione di 12 nuove moderne unità di frantumazione dell’olio d’oliva con una capacità di 740 tonnellate al giorno.

In una dichiarazione al MAP, il direttore regionale dell’agricoltura, Hssain Rahaoui, ha affermato che l’attuazione del piano agricolo regionale ha aumentato di 44.000 ettari l’area riservata agli alberi da frutto nella regione e anche la creazione di 46 nuove unità agricole a valore aggiunto, nonché la costruzione e la riparazione di canali di irrigazione di 322 chilometri, oltre a migliorare la gestione e la gestione dei pascoli (7.730 ettari) e la creazione di 31 nuovi punti d’acqua.

E si noti che il programma nazionale per il risparmio delle acque di irrigazione (PNEEI) mira a riconvertire nel Regno un’area di 555.000 ettari di terreno irrigato in irrigazione localizzata. Pertanto, il PMV ha adottato diversi meccanismi per raggiungere gli obiettivi delineati nel quadro del PNEEI, anche attraverso la modernizzazione delle reti di irrigazione pubbliche per adattarli alle esigenze dell’irrigazione localizzata, la distribuzione di sostegno finanziario che va dall’80 al 100% del costo delle attrezzature nelle tecniche di irrigazione localizzate, oltre a promuovere la consapevolezza agricola e idrica e lo sviluppo di capacità per i manager agricoli e gli agricoltori.

Nella regione di Beni Mellal-Khénifra, ha detto che questo programma ha preso di mira 88.000 ettari, ovvero il 22% dell’obiettivo nazionale, prima di aggiungere che la prima fase di lavoro per la modernizzazione delle reti di irrigazione pubbliche che hanno riguardato fino ad ora, 10.235 ettari da 565 agricoltori, mentre i progressi nella seconda fase sono ora di circa il 50% in un’area di 12.000 ettari, a beneficio di 2.926 agricoltori.

Una terza quota aggiunge a questo con il programma un’area di 12.400 ettari che è attualmente oggetto di uno studio di fattibilità, ha annunciato, rilevando che l’implementazione dell’irrigazione localizzata ne ha beneficiato fino circa 43.000 ettari, ovvero il 90% dell’obiettivo.

Rahaoui ha anche parlato dell’importanza dell’agropoli di Béni Mellal, uno dei principali progetti di strutturazione della regione di Beni Mellal-Khénifra, nella valorizzazione dei prodotti agricoli, nella promozione dell’attrattiva della regione. investimento e la creazione di migliaia di giorni lavorativi.

Con sede nel comune rurale di Ouled M’Barek, a 5 km dalla città di Beni Mellal, questa agropoli copre un’area di 208 ettari, offrendo molti terreni industriali con un’area che varia da 900 a 11.000 m2 .

Questo progetto mira ad attirare investimenti in settori agricoli e agro-alimentari che superano già i 3 miliardi di Dirham. L’agropoli realizzato per un investimento di 926 milioni di dirham, ha sei pali integrati dedicati all’industria, commercio, marketing, logistica, servizi e una qualipola che deve essere realizzata dal ministro della supervisione su 2,63 ettari per un investimento di 72,1 milioni di dirham.

La regione di Béni Mellal-Khénifra copre 2,8 milioni di ettari, di cui 960.000 sono aree agricole utili (di cui 205.000 ettari sono irrigati e 700.000 sono distribuiti). La regione ha una mandria di 4,5 milioni di capi di cui 2,9 milioni di pecore, 900.000 capre e 400.000 bovini. Il suo contributo a livello nazionale è del 28% per le sementi selezionate di cereali, il 26% per la barbabietola da zucchero, il 19% per gli agrumi, il 15% per gli ulivi, il 12% per gli alberi di mele il 14% per il latte e il 15% per carni rosse. Allo stesso modo, la regione si distingue nella produzione nazionale da settori specifici come il sesamo (95%), il melograno (45%) o il pepe Niora (85%).

La regione di Béni Mellal-Khénifra ha quindi molte risorse che gli consentono di rappresentare il 6,5% del PIL nazionale. Grazie in primo luogo all’agricoltura, che costituisce la parte principale dell’attività economica della regione con, come bonus, importanti risorse idriche e un clima favorevole. Un settore ad alto potenziale che viene convertito nell’ambito del Piano verde del Marocco. Per fare ciò, la regione ha istituito un piano agricolo regionale che mira a potenziare lo sviluppo delle attività agricole attorno a tre assi principali, vale a dire l’irrigazione, la promozione dei prodotti agricoli e lo sviluppo delle aree montane.

©Ambasciata del Regno del Marocco - Italia - Via Brenta n° 12/16 – 00198, Roma - Tel: (+39) 06.85508001 / 06.8550801 - Fax: (+39) 06.4402695 - e-mail: ambmaroccoroma@maec.gov.ma