MAROCCO NEWS

Consiglio di associazione Marocco-UE

3 luglio 2019

Bruxelles 28/06/2019- Le relazioni del Marocco con l’Unione europea sono guidate da una chiara visione Reale per un partenariato ambizioso, completo e paritario, ha affermato il ministro degli Esteri e della Cooperazione Internazionale M. Nasser Bourita giovedì a Bruxelles.

“Da questa visione, lavoreremo per garantire che questa relazione mantenga il suo carattere pionieristico e lungimirante nella regione e in tutte le aree”, ha detto il Ministro alla conferenza stampa congiunta con l’Alta rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza, vicepresidente della Commissione europea Mme Federica Mogherini, a seguito dei lavori della 14a sessione del Consiglio di associazione Marocco-UE.

Il ministro ha affermato che entrambe le parti hanno avuto “discussioni positive, franche e molto costruttive che ci hanno permesso di ribadire il nostro impegno a rafforzare il partenariato ma anche e soprattutto la nostra determinazione a rivitalizzare questa partnership”, sottolineando che questo Consiglio di associazione ha una peculiarità rispetto agli altri.

In primo luogo, per la sua tempistica, ha spiegato il ministro, ricordando che sono trascorsi quasi quattro anni da quando le due parti non hanno tenuto un Consiglio di associazione, “un periodo che è stato un test per la nostra partnership e che ha mostrato resilienza, ambizione e determinazione nel difendere le diverse dimensioni di questa partnership da entrambe le parti “.

Questo Consiglio, ha proseguito il Ministro, è anche particolare per i suoi risultati, perché è “la prima volta dal varo dei Consigli di associazione che le due parti adottano una dichiarazione politica congiunta, che mostra una convergenza totale di opinioni “. Questa dichiarazione politica congiunta, ha spiegato il Ministro, “ha una visione e ambizione condivise, ma anche posizioni chiare su una serie di questioni”.

È anche, ha aggiunto il ministro, un Consiglio particolare in termini di sostanza perché “non solo abbiamo registrato la ripresa della nostra partnership riattivando le diverse strutture, rinnovando la cooperazione nelle diverse aree, ma abbiamo inoltre deciso di strutturare questa partnership in futuro attorno a quattro aree importanti: un’area di convergenza dei valori, uno spazio per la convergenza economica e la coesione sociale, uno spazio condiviso di conoscenze e uno spazio per la consultazione politica e una maggiore cooperazione in sicurezza “.

Questa Dichiarazione politica e l’identificazione di questi quattro spazi, ha ricordato il Ministro, sono anche “il risultato di una riflessione informale condotta insieme a Skhirat (Marocco) due settimane fa quando funzionari marocchini ed europei, rappresentanti della società civile e accademici si sono riuniti per riflettere sul futuro di questa partnership “.

Il ministro ha affermato che le due parti “lavoreranno per una riprogettazione del modello delle nostre relazioni al fine di intraprendere di più e meglio in un rapporto più strategico e con una dimensione regionale più forte verso l’Europa, verso l’Africa, verso il Medio Oriente, aree in cui abbiamo una presenza, interessi e progetti da promuovere insieme.

Il Ministro ha anche detto che le due parti hanno discusso di numerosi questioni regionali e internazionali, osservando che “abbiamo ancora una volta scoperto di essere partner con opinioni convergenti su una serie di problemi”, aggiungendo che entrambe le parti “cercheranno di tradurre questa convergenza in iniziative comuni e azioni concertate di fronte alle molte sfide” che affrontano.

Rispondendo a una domanda sulla cooperazione con l’UE in materia di mobilità, il Ministro ha ricordato che “il Marocco affronta la tematica della migrazione in relazione alla propria responsabilità nazionale e alla sicurezza delle proprie frontiere”.

“Questo è il motivo per cui il Marocco ha mobilitato le sue risorse come parte di un approccio globale alla questione della migrazione”, ha detto, sottolineando che entrambe le parti hanno discusso la “necessità di una lunga visione condivisa e un approccio strutturale a lungo termine”.

Il Consiglio di associazione Marocco-UE, si ricorda, è stato caratterizzato dall’adozione per la prima volta nella storia delle relazioni dell’UE con un paese vicino, di una “Dichiarazione politica comune” che pone le basi per una nuova fase statutaria di eguaglianza e di un “partenariato euro-marocchino di prosperità condivisa”, dando un nuovo slancio alle relazioni tra il Marocco e l’UE, all’altezza delle loro aspettative e delle sfide del mondo contemporaneo.

©Ambasciata del Regno del Marocco - Italia - Via Brenta n° 12/16 – 00198, Roma - Tel: (+39) 06.85508001 / 06.8550801 - Fax: (+39) 06.4402695 - e-mail: ambmaroccoroma@maec.gov.ma