MAROCCO NEWS

Il mezzogiorno incontra il Marocco

21 novembre 2019

Roma, 15/11/2019. Il Marocco protagonista della prima manifestazione dedicata ai paesi del Mediterraneo, organizzata dall’Unione Industriali di Napoli, Confidustria Caserta e la Fondazione per la Sussidiarietà nei giorni 12 e 13 novembre a Napoli e Caserta, sotto il titolo “I giorni del Sud, il mezzogiorno incontra il Marocco”, alla presenza dell’Ambasciatore del Marocco in Italia Youssef Balla.

Durante il suo intervento, l’Ambasciatore ha sottolineato come “Le relazioni tra Marocco e Italia stanno guadagnando slancio dopo la firma del Partenariato strategico multidimensionale, avvenuto il 1 ° novembre a Rabat, durante la visita del Ministro degli Esteri italiano Luigi di Maio”.

L’Ambasciatore ha aggiunto che questo partenariato strategico multidimensionale è il frutto della continua evoluzione delle relazioni tra i due paesi, risalente al XIX secolo, costruito con fiducia e rispetto condiviso, e mira a consolidare le relazioni economiche, commerciali e finanziarie, soprattutto attraverso la partecipazione di operatori economici, oltre alle opportunità di crescita in tutte le aree di reciproco interesse.

L’Italia è diventata nel 2018 il terzo fornitore del Marocco, con un volume di importazioni di 2,7 miliardi di euro, con un incremento del 5,8%, e il 3° mercato più grande per le esportazioni marocchine verso l’UE registrando un aumento del 2,8% nel 2018, con 1,2 miliardi di euro.

Il Marocco, ha affermato l’Ambasciatore, da diversi anni è impegnato in profonde riforme politiche ed economiche, con l’obiettivo di liberalizzare la sua economia e di alleggerire le procedure relative agli investimenti, alla creazione di un quadro legislativo favorevole, alla semplificazione del sistema fiscale e alla creazione di un clima imprenditoriale stimolante e favorevole per i progetti che creano ricchezza e posti di lavoro.

Queste riforme e i numerosi progetti strutturali (Piano verde del Marocco, Piano di Halieutis, Piano solare …) hanno notevolmente migliorato le prestazioni economiche del Marocco, in particolare nella classifica del Doing Business, salendo di 37 posizioni negli ultimi sette anni anni, dal 97 ° posto nel 2012 al 60 ° nel 2019.

Il quadro generale di stabilità politica e crescita sostenuta ha permesso al Marocco di drenare tra il 2010 e il 2018, circa 3,35 miliardi di dollari in media di flussi di investimenti diretti esteri all’anno, rendendolo un hub regionale essenziale per gli investitori internazionali, che godono nel Regno di infrastrutture che consentono loro di rafforzare i loro progetti.

Grazie alle sue 22 zone industriali integrate e agli accordi di libero scambio con molti paesi in Africa, America e Asia, il Marocco offre accesso a 55 nazioni con oltre un miliardo di consumatori, ha sottolineato l’Ambasciatore nel suo intervento.

In termini di infrastrutture, SM il Re Mohammed VI ha messo in atto una visione di sviluppo economico e sociale, articolata sulla creazione di grandi infrastrutture che hanno beneficiato di importanti investimenti, ha concluso.

Questa prima edizione è stata caratterizzata dallo svolgimento di incontri d’affari tra gli operatori economici italiani e le loro controparti marocchine per creare le basi per una cooperazione continua.

A questo evento, occasione di incontro e dialogo tra operatori economici, sociali e istituzionali nella regione del Mediterraneo, hanno partecipato funzionari governativi e parlamentari italiani, operatori economici e rappresentanti delle imprese di entrambi i paesi, discutendo di argomenti legati in particolare alle prospettive delle relazioni tra Italia, Europa e Marocco.

PHOTO-2019-11-13-18-42-32

©Ambasciata del Regno del Marocco - Italia - Via Brenta n° 12/16 – 00198, Roma - Tel: (+39) 06.85508001 / 06.8550801 - Fax: (+39) 06.4402695 - e-mail: ambmaroccoroma@maec.gov.ma