MAROCCO NEWS

Marocco, partner credibile per la pace

9 dicembre 2019

Roma 06/12/2019- “Il Marocco agisce e si evolve nella sua regione adottando una diplomazia il cui metodo si basa sulla responsabilità e la chiarezza, una diplomazia che mira a rafforzare i legami in uno spirito di fraternità e solidarietà con tutti i paesi fratelli e amici, questo che rende il Regno un partner credibile per la costruzione della pace “, ha sottolineato il Ministro delegato al Ministro degli Affari Esteri, della Cooperazione Africana e Marocchini residenti all’estero, Mohcine Jazouli, che ha parlato durante la quinta edizione dei Dialoghi mediterranei RomeMed2019 con il tema” Oltre gli sconvolgimenti, un’agenda positiva “.

Partecipando al primo panel dal titolo “Dalla competizione alla collaborazione nella regione MENA: ricomporre il puzzle geopolitico”,  il Ministro ha affermato che il Marocco, sotto la guida di SM il Re Mohammed VI, è riuscito a gettare le basi per un modello di sviluppo nazionale basato sul consolidamento delle istituzioni democratiche e sul raggiungimento della crescita economica e dello sviluppo umano inclusivo, nonostante le difficili condizioni regionali e internazionali.

 “Sotto la guida illuminata di SM il Re, il Marocco ha realizzato diverse iniziative regionali concrete che vanno tutte nella direzione del consolidamento dei legami politici, economici e diplomatici nonostante una congiuntura regionale e internazionale difficile”, ha continuato, durante questo incontro a cui ha partecipato l’Ambasciatore del Marocco in Italia, Youssef Balla.

Nel registro degli sforzi compiuti dal Regno nel campo della costruzione della pace, ha citato, ad esempio, “il processo di Skhirat per il raggiungimento della pace e della stabilità in Libia”, coronato dalla firma nel 2015 in Marocco di un accordo sulla transizione politica in questo paese.

In campo commerciale,  il Ministro ha fatto riferimento all’accordo di Agadir firmato nel 2001 da Marocco, Tunisia, Egitto, Libano, Palestina e Giordania. L’accordo, entrato in vigore nel 2007, mira a creare una zona franca euromediterranea con l’obiettivo finale di aumentare la capacità di esportazione di questi paesi verso l’Unione europea “.

A livello diplomatico, ha ricordato il dialogo 5 + 5, rilevando che questa riunione annuale dei ministri degli affari esteri si è gradualmente diffusa in altre aree, come difesa, trasporti, migrazione, energia, cultura ed educazione.

 Ha anche sottolineato che la regione MENA sta affrontando conflitti di ogni tipo, l’esacerbazione delle tensioni e le difficoltà socio-economiche spesso aggravate dalle fluttuazioni dei prezzi del petrolio, rilevando che questa regione, forte delle sue risorse naturali e umane, ha innumerevoli risorse per costituire un vero motore di sviluppo.

“Tuttavia, per il momento, i legami commerciali tra i paesi sono deboli, gli scambi intraregionali non hanno superato il 13% nel 2018 e le economie non sono abbastanza diversificate”, ha osservato.

 “Per mettere la nostra regione su un percorso virtuoso, i paesi devono lavorare per costruire partenariati duraturi e costruire relazioni continue”, ha affermato.

PHOTO-2019-12-13-14-44-09 (1)

©Ambasciata del Regno del Marocco - Italia - Via Brenta n° 12/16 – 00198, Roma - Tel: (+39) 06.85508001 / 06.8550801 - Fax: (+39) 06.4402695 - e-mail: ambmaroccoroma@maec.gov.ma