MAROCCO NEWS

Onu: risoluzione 2468

3 maggio 2019

Martedì 30 aprile 2019, Nazioni Unite (New York) – Il Marocco accoglie con favore l’adozione, da parte del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite,  della risoluzione 2468 sul Sahara marocchino, che “soddisfa ampiamente le aspettative” del Regno, ha affermato l’Ambasciatore Rappresentante permanente del Marocco presso le Nazioni Unite, M. Omar Hilale.

La risoluzione sancisce il processo delle tavole rotonde come “sola e unica via” per raggiungere la soluzione politica a questa disputa regionale, ha detto M. Hilale in una conferenza stampa presso la sede delle Nazioni Unite a New York in seguito all’adozione da parte del Consiglio di sicurezza, a larga maggioranza, della risoluzione 2468 che estende il mandato della MINURSO di sei mesi.

“Come potete constatare, il Consiglio non menziona più un quinto ciclo di negoziati, rispondendo così a un requisito fondamentale del Marocco secondo cui l’attuale processo deve distinguersi e imparare dai fallimenti del passato”, ha affermato l’ambasciatore.
A questo proposito, ha osservato che l’esecutivo delle Nazioni Unite ha accolto con favore lo “slancio positivo creato dalle due tavole rotonde tenute a dicembre e marzo scorso e ha chiesto al Marocco, all’Algeria, alla Mauritania e al Polisario di impegnarsi seriamente nel processo politico per identificare elementi di convergenza “.
Per il signor M. Hilale, la risoluzione 2468 consacra espressamente, dopo il 2440, il ruolo dell’Algeria in qualità di “principale parte in causa” in questa controversia. “L’Algeria è vivamente sollecitata dal Consiglio a contribuire alla ricerca della soluzione, allo stesso titolo e su un piano di parità con il Marocco, fino alla fine del processo politico”.

“Vorrei sottolineare qui che l’Algeria è citata tante volte quante il Marocco, in relazione al processo politico. Nella risoluzione 2414, l’Algeria non era menzionata in alcun paragrafo “, ha affermato l’ambasciatore marocchino.
Allo stesso modo, il Consiglio di sicurezza ha ribadito nella sua 3 ° risoluzione consecutiva sulla questione del Sahara, che lo scopo del processo, solo delle Nazioni Unite, è quello di raggiungere una soluzione politica, realistica, pragmatica, sostenibile e basata sul compromesso nella controversia, ha aggiunto.
“Nel rallegrarsi in questo contesto, per la serietà e la credibilità dell’Iniziativa marocchina di Autonomia, il Consiglio l’ha costruita per il 13 ° anno consecutivo come unica soluzione adatta alla controversia sul Sahara”, ha osservato M. Hilale, aggiungendo che il Consiglio riconosce, così, che la soluzione della controversia non può essere fatta che nel quadro della sovranità e dell’integrità territoriale del Regno. E per sottolineare che il Consiglio, quindi, ancora una volta, ha ribadito che tutti i piani irrealizzabili prima del 2007 sono sepolti in modo permanente, e che ha chiaramente e definitivamente legato l’autodeterminazione al compromesso.
“Questo è perfettamente in linea con la posizione del Marocco, espressa nella seconda tavola rotonda, secondo cui l’autodeterminazione non significa né referendum né indipendenza. L’Autonomia è l’incarnazione perfetta di questo compromesso richiesto dal Consiglio”, ha affermato l’ambasciatore marocchino.
In questa risoluzione, il Consiglio di sicurezza, così come il Segretario Generale delle Nazioni Unite, ha accolto con favore la calma che regna nel Sahara marocchino, ha valutato M. Hilale, ritenendo che si tratta di un “riconoscimento e una testimonianza eloquente” delle conquiste socio-economiche e del progresso politico compiuti dal Marocco nelle sue Province del Sud, e che soddisfa perfettamente le aspettative e le aspirazioni delle popolazioni del Sahara marocchino, che vivono nella pace e nel benessere.

Risoluzione 2468 su Sahara marocchino

©Ambasciata del Regno del Marocco - Italia - Via Brenta n° 12/16 – 00198, Roma - Tel: (+39) 06.85508001 / 06.8550801 - Fax: (+39) 06.4402695 - e-mail: ambmaroccoroma@maec.gov.ma