MAROCCO NEWS

Risultati dei diritti umani in Marocco

Rabat 20/07/2019 – Il Ministro di Stato incaricato per i diritti umani, M. Mustapha Ramid, ha presentato il primo rapporto pubblicato da un dipartimento governativo sui “risultati dei diritti umani in Marocco: sviluppo istituzionale e legislativo e  valutazione dell’attuazione delle politiche pubbliche dopo l’adozione della Costituzione del 2011“, un documento che riporta importanti sforzi nazionali per attuare le disposizioni della costituzione e il contenuto del programma governativo, piani politiche nazionali e settoriali sui diritti umani.

In una dichiarazione al Consiglio direttivo, il Ministro ha sottolineato che la relazione, elaborata dal Ministero per i diritti umani dello Stato, evidenzia i principali indicatori dell’evoluzione dei diritti umani tra 2012 e 2018, concentrandosi sulle caratteristiche generali essenziali e sulle principali specificità che hanno segnato sette anni di risultati, ha detto il portavoce del governo, M. Mustapha El Khalfi, in un comunicato stampa tenuto a termine del Consiglio.

Il rapporto esamina anche alcune delle sfide nelle aree menzionate nel documento, ha affermato.

Il ministro ha rilevato che questa relazione include una diagnosi e una valutazione della situazione dei diritti umani attraverso quattro assi principali, vale a dire il consolidamento del processo democratico e la costruzione istituzionale per la protezione e la promozione dei diritti umani, tutela dei diritti umani nella legislazione e nella pratica, evoluzione della pratica convenzionale in Marocco e monitoraggio dell’attuazione delle raccomandazioni della Commissione per l’equità e la riconciliazione (IER).

La relazione riferisce sull’evoluzione dei diversi tipi di diritti umani attraverso assi relativi a diritti civili e politici, diritti economici, sociali, culturali e ambientali, come i diritti all’istruzione, salute, lavoro, alloggio, un ambiente sano, sviluppo sostenibile, partecipazione alla vita culturale, oltre ai diritti delle donne, dei bambini, delle persone con disabilità, degli immigrati e dei rifugiati e in luoghi di privazione della libertà, ha detto, sottolineando che il rapporto ha dedicato un asse all’evoluzione della pratica convenzionale in Marocco e un altro asse al follow-up dell’esecuzione delle raccomandazioni dell’ER.

La relazione esamina le riforme intraprese, incluso il consolidamento della giustizia costituzionale, il completamento delle garanzie legali e istituzionali per l’indipendenza della magistratura come garante dei diritti e delle libertà, in conformità con le disposizioni della Costituzione, le raccomandazioni e le proposte della Carta della riforma della giustizia, oltre alla creazione di diverse istituzioni e l’adozione del proprio sistema giuridico, come il Consiglio nazionale dei diritti umani , l’istituzione del Difensore civico, l’Organo di parità e la lotta contro tutte le forme di discriminazione, il Consiglio economico, sociale e ambientale, l’Alta Autorità per le comunicazioni audiovisive, il Consiglio per la concorrenza, l’istanza nazionale per la prevenzione e lotta alla corruzione e il Consiglio superiore della formazione e della ricerca scientifica.

La relazione si concentra sul consolidamento del processo democratico e sullo sviluppo istituzionale per la protezione e la promozione dei diritti umani, comprese importanti iniziative nel processo democratico e riforme costituzionali e politiche, in particolare le riforme istituzionali e legislative e l’adozione dell’esperienza della giustizia transizionale e di molte altre riforme che hanno permesso al Marocco, sotto la guida di SM il Re Mohammed VI, che Dio lo assista, di avviare una riforma costituzionale senza precedenti.

Il ministro ha affermato che lo sviluppo di questo documento arriva nel contesto dell’interazione con questa dinamica e queste riforme e al fine di consolidare la comunicazione pubblica, garantire il diritto di accesso alle informazioni, favorire la condivisione dei dati e relativi indicatori di misurazione con le parti interessate, sostegno e consolidamento dei risultati nel campo dei diritti umani, identificazione delle lacune e incoraggiamento degli sforzi per affrontarli, osservando che questo rapporto è il risultato di un duro lavoro e continuo per 9 mesi con una metodologia basata sulla partecipazione e la consultazione.

Il ministro ha sottolineato che questa relazione può essere considerata un documento di riferimento ricco di dati qualitativi e numerici, supportati da chiari indicatori di misurazione, ha continuato, osservando che questo documento è caratterizzato dalla sua metodologia descrittiva e rivede il record di successo con uno stile diretto “che lo rende uno strumento decisivo per valutare il livello di sviluppo dei diritti umani nel paese, anno dopo anno e passo dopo passo, soprattutto se la sua pubblicazione diventa una tradizione regolare “, contribuendo all’arricchimento del dialogo e del dibattito tra i diversi attori, in particolare gli attori ufficiali e sociali.

Per quanto riguarda le fonti dei dati adottati nella relazione, si basa su vari riferimenti, in questo caso i documenti adottati dai settori governativi, relazioni, protocolli e raccomandazioni delle istituzioni nazionali, strategie nazionali piani settoriali, relazioni di valutazione delle politiche pubbliche, relazioni ai meccanismi internazionali dei diritti umani, nonché alcuni parametri adottati da istituzioni internazionali specializzate, ha affermato.

Allo stesso modo, ha sostenuto, l’adozione da parte del Consiglio direttivo di un piano d’azione nazionale nel campo della democrazia e dei diritti umani nel dicembre 2017 ha segnato un passo importante nel processo dello sviluppo democratico e diritti umani, esprimendo la speranza che l’attuazione delle 435 misure di questo piano d’azione contribuirà maggiormente all’affidamento delle garanzie e al pieno godimento dei diritti e delle libertà.

Il Ministro si augura che questa relazione possa sostenere il dialogo e la comunicazione tra i vari attori coinvolti nel consolidamento dei diritti umani e contribuire all’arricchimento del dibattito pubblico sulle questioni dei diritti umani per consentire a tutti gli attori, ricercatori e tutti i cittadini di approfondire la riflessione, l’esame, lo studio e la diagnosi e di diffondere la conoscenza.

Il ministro ha anche detto che vorrebbe che la relazione consolidasse la cultura del riconoscimento e del riconoscimento dei risultati e fosse un mezzo per sostenere e incoraggiare più sforzi nazionali e azioni collettive per continuare il processo di consolidamento dei diritti umani, con l’obiettivo di completare le basi per la realizzazione della dignità umana dei cittadini e per assicurare il progresso dello Stato e della società in generale.

Il Ministro ha anche ricordato che il Regno ha raggiunto, durante gli anni Novanta del secolo scorso e all’inizio del terzo millennio, acquisizioni di grande importanza nel campo dell’edificazione democratica e del consolidamento dei diritti umani, che si tratti della qualificazione del sistema giuridico nazionale o degli sforzi per rafforzare l’edificio istituzionale e lo sviluppo di politiche e programmi pubblici.

Questi risultati, ha osservato, hanno subito un cambiamento qualitativo sia nell’approccio che nell’attuazione con l’adozione della Costituzione del 2011 che ha segnato un grande evento e una pietra miliare nel processo di costruzione democratica e completamento della costruzione dello Stato di diritto e delle istituzioni.

In conclusione, ha affermato il Ministro, il Marocco, sotto la guida di SM il Re Mohammed VI, ha accumulato negli ultimi otto anni più successi nelle riforme che riflettono le dinamiche politiche e di sviluppo che il nostro paese ha vissuto dall’adozione della costituzione, che ha portato al lancio di progetti strutturali sui diversi aspetti dei diritti umani, culminati nell’adozione di carte, piani e programmi nazionali e politiche pubbliche di modernizzazione, riforme e sviluppo, che ha permesso di avviare importanti riforme legislative e istituzionali sotto la guida di SM il Re e in conformità con gli alti orientamenti costanti del sovrano.

©Ambasciata del Regno del Marocco - Italia - Via Brenta n° 12/16 – 00198, Roma - Tel: (+39) 06.85508001 / 06.8550801 - Fax: (+39) 06.4402695 - e-mail: ambmaroccoroma@maec.gov.ma