MAROCCO NEWS

Sahara marocchino: Amb. Hilale smonta la falsa campagna di Algeria e “Polisario”

25 febbraio 2021

Nazioni Unite (New York) – In una lettera indirizzata al Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, e ai membri del Consiglio di Sicurezza, l’Ambasciatore, Rappresentante Permanente del Marocco presso le Nazioni Unite, Omar Hilale, ha messo a nudo, con foto e video di supporto, le bugie e le false accuse diffuse dall’Algeria e dal “Polisario” sulla situazione nel Sahara marocchino.

“Dalla sua rinuncia al cessate il fuoco e agli accordi militari, il gruppo separatista” Polisario “ha condotto, insieme all’Algeria, una campagna isterica volta a fuorviare la comunità internazionale su un presunto” conflitto armato “e presunte violazioni dei diritti umani nel Sahara marocchino ”, ha sottolineato Hilale, aggiungendo che“ questo gruppo armato invita apertamente ad atti di violenza contro le persone e sabotaggio contro civili nel Sahara marocchino ”.

Sottolineando la calma e la stabilità che regnano nel Sahara marocchino, e la totale assenza di qualsiasi conflitto armato, il diplomatico ha osservato che “il Polisario”, attraverso i cosiddetti pietosi “comunicati militari”, ripresi dall’unica agenzia di stampa ufficiale algerina, cerca di trasmettere la falsa immagine di un presunto “conflitto” nel Sahara marocchino. Tuttavia, la realtà è molto diversa. E aggiungere che “la guerra fittizia del” Polisario “, che mantiene collegamenti comprovati e documentati con gruppi terroristici e trafficanti di ogni genere nella regione sahelo-sahariana, è smentita dalla stabilità sul terreno, oltre che dalla stampa e televisioni internazionali che hanno dimostrato, con prove a sostegno, che le informazioni e le immagini pubblicate dal “polisario” sono “false” e riguardano altri conflitti e in nessun modo il Sahara marocchino.

L’ambasciatore Hilale ha anche denunciato le false accuse di violazione dei diritti umani nel Sahara marocchino, avanzate dal “Polisario” e dall’Algeria. “Le accuse di restrizione della libertà di movimento nel Sahara marocchino sono del tutto infondate. Esse rientrano chiaramente nel quadro della spudorata strumentalizzazione del dispiegamento delle autorità pubbliche marocchine nell’attuale contesto legato all’emergenza dello stato di salute relativo alla pandemia COVID-19 “ha precisato, osservando che” Il sostegno dei cittadini della popolazione del Sahara marocchino alle misure sanitarie ha permesso di registrare le cifre più basse di contaminazione a livello del Regno “.

Il Sig. Hilale ha ribadito al Segretario Generale e ai 15 membri del Consiglio di Sicurezza che “la popolazione del Sahara marocchino gode della totale libertà di movimento garantita dalla legge, sia all’interno che all’esterno del Marocco”.

“È questo pieno godimento di questo diritto che consente ai pochi cosiddetti attivisti separatisti di viaggiare liberamente in Algeria e nei campi di Tindouf, dove subiscono indottrinamento ideologico e addestramento militare. È il pieno rispetto dei diritti umani da parte del Marocco che permette loro anche di andare all’estero per partecipare a manifestazioni e incontri anti-marocchini e di tornare in pace nel Sahara marocchino, senza che non siano per nulla preoccupati “ha spiegato, deplorando che “questo stato di diritto e libertà sia sfruttato da questi elementi separatisti nella loro campagna di denigrazione e menzogna, nonché nell’incitamento alla violenza contro le persone e le proprietà”.

In questo contesto, e riguardo alla cosiddetta Saultana Khaya, separatista al soldo del “Polisario” e dell’Algeria, il signor Hilale ha denunciato “la messa in scena della persona che fa parte della strategia del” Polisario ” nel strumentalizzare i diritti umani per fini politici, inculcati ai suoi agenti durante i vari viaggi in Algeria e nei campi di Tindouf, durante i quali questi ultimi ricevono anche corsi di manipolazione delle armi e di indottrinamento ideologico e partecipano ad esercitazioni militari delle milizie “Polisario” ”.

Ha aggiunto che la cosiddetta Saultana Khaya “non è affatto un attivista pacifico per i diritti umani, ma un sostenitore di azioni violente e persino militari. Ha partecipato a questi corsi ed esercitazioni militari dei separatisti, dal 1 ° al 12 gennaio 2019, durante le quali ha chiamato alla violenza armata contro i civili nel Sahara marocchino ”. Le foto che mostrano la donna in divisa militare e che brandisce un fucile Kalashnikov sono state inviate al Segretario generale delle Nazioni Unite e ai membri del Consiglio di sicurezza.

Per quanto riguarda il caso del defunto Mohamed Salem Fahim, strumentalizzato dal “Polisario” e dall’Algeria, il Rappresentante Permanente del Marocco ha informato, in dettaglio, che il defunto è stato vittima di un incidente stradale mortale, che è oggetto di procedimenti legali in corso, in conformità con la legge in vigore in tali circostanze.

Infine, il signor Hilale ha presentato un’accusa schiacciante, dettagliata e documentata per violazioni dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario nei campi di Tindouf in Algeria.

Omar-Hilale

©Ambasciata del Regno del Marocco - Italia - Via Brenta n° 12/16 – 00198, Roma - Tel: (+39) 06.85508001 / 06.8550801 - Fax: (+39) 06.4402695 - e-mail: ambmaroccoroma@maec.gov.ma