MAROCCO NEWS

SM il Re inaugura il “Green Generation 2020-2030”

14 febbraio 2020

Chtouka Ait Baha, 13/02/2020. SM Il Re Mohammed VI, accompagnato dal principe ereditario Moulay El Hassan, ha presieduto la cerimonia di lancio della nuova strategia di sviluppo del settore agricolo chiamata “Green Generation 2020-2030″ e quella relativa allo sviluppo del settore idrico e forestale chiamata” Foreste del Marocco “.

La nuova visione strategica del settore agricolo è stata sviluppata, in linea con gli alti orientamenti Reali per il consolidamento dei risultati raggiunti nel settore agricolo e la creazione di nuove attività che generino posti di lavoro e redditi, in particolare a favore dei giovani nelle zone rurali.

Favorire l’emergere di una classe media agricola e consolidare il suo quadro per esercitare la sua doppia vocazione di fattore di equilibrio e leva dello sviluppo socio-economico.

Questa strategia si basa sulla capitalizzazione dei risultati raggiunti dal piano Verde del Marocco (PVM), lanciato dal sovrano nel 2008, attraverso l’adozione di una nuova visione del settore agricolo, la consacrazione della nuova governance e la fornitura di mezzi moderni al settore.

I risultati raggiunti nell’ambito del PVM hanno favorito la firma di 19 contratti di programma, l’attuazione di 12 piani agricoli regionali, la creazione di quattro nuovi agenzie, l’entrata in vigore di 4.500 testi legali e circa 4 miliardi di dollari mobilitati da finanziamenti internazionali.

A livello macroeconomico, il PMV ha consentito la moltiplicazione del PIL-Agricoltura e le esportazioni agricole, nonché l’aumento del volume degli investimenti, la creazione di posti occupazione e aumento dei tassi di copertura per le esigenze alimentari.

Per quanto riguarda la sostenibilità, il Piano ha favorito il risparmio di acqua per l’irrigazione, il consolidamento della resilienza agricola e il declino dell’agricoltura alimentata dalle piogge, oltre all’impulso di una dinamica di integrazione dell’agricoltura di piccole e medie dimensioni, a beneficio di 2,7 milioni di agricoltori.

Il Marocco mira a raggiungere un alto livello grazie alla nuova strategia agricola che si basa su due pilastri principali:

1) Il miglioramento dell’elemento umano attraverso l’emergere di una nuova generazione di ceto medio agricolo (da 350.000 a 400.000 famiglie) e la nascita di una nuova generazione di giovani imprenditori, attraverso la mobilitazione e lo sviluppo di un milione di ettari di terreni collettivi e la creazione di 350.000 posti di lavoro per i giovani.

2) Il perseguimento della dinamica di sviluppo del settore, promuovendo lo sviluppo umano e sociale.

Per questo, la nuova visione prevede il consolidamento dei settori agricoli, al fine di aumentare le esportazioni e il PIL agricolo per raggiungere da 20 a 25 miliardi di dollari entro il 2030, migliorando i processi di distribuzione dei prodotti attraverso la modernizzazione di 12 mercati all’ingrosso e quelli tradizionali.

Per quanto riguarda la nuova strategia per il settore idrico e forestale “Foreste del Marocco”, la cui area è stimata in 9 milioni di ettari, mira a rendere le foreste uno spazio per lo sviluppo, garantire la gestione sostenibile delle risorse forestali, adottare un approccio partecipativo che coinvolga gli utenti, rafforzare le capacità produttive delle foreste e preservare la biodiversità.

Queste due nuove strategie, agricola e idrica e forestale, saranno attuate a partire dal 2020, in particolare a livello territoriale secondo le specificità e i vantaggi di ciascuna regione, e questo in coordinamento con tutte le parti interessate

SM il Re ha avviato il progetto per piantare altri 100 ettari di alberi di argan, un progetto che fa parte del programma per piantare alberi di argan agricoli nel provincia di Chtouka Ait Baha su una superficie di 1.250 ettari, con un investimenti per circa 3 milioni di dollari. Fa parte di un programma globale di sviluppo della cultura di argan che copre un’area di 10.000 ettari, nelle regioni di Souss-Massa, Marrakech-Safi e Guelmim-Oued Noun.

Questo programma globale (2017-2022) mobilita una dotazione di bilancio di circa 50 milioni di dollari, finanziato dal Green Climate Fund e dal governo.

Inoltre ha lanciato i lavori per la rete di irrigazione dalla stazione di dissalazione dell’acqua di mare di Agadir. Il completamento di questa stazione è in linea con gli obiettivi del programma nazionale per la fornitura di acqua potabile e irrigazione 2020-2027, lanciato dal sovrano lo scorso gennaio e volto a consolidare e diversificare le fonti di approvvigionamento idrico e acqua potabile, garantendo la sicurezza idrica e combattendo gli effetti dei cambiamenti climatici.

Investimenti importanti che coinvolgono la costruzione di opere marittime, l’ammodernamento del sistema di irrigazione agricola, distribuzione dell’acqua. Il tutto per mira a migliorare l’acqua di irrigazione, intensificare e migliorare la produzione agricola e aumentare i redditi degli agricoltori, con un aumento del valore aggiunto.

SM le Roi Programme Green Generation

©Ambasciata del Regno del Marocco - Italia - Via Brenta n° 12/16 – 00198, Roma - Tel: (+39) 06.85508001 / 06.8550801 - Fax: (+39) 06.4402695 - e-mail: ambmaroccoroma@maec.gov.ma