MAROCCO NEWS

Dakhla: Inaugurato il Centro di ricerca sulla prevenzione dei bambini soldato

4 aprile 2022

Dakhla, 31/03/2022. Inaugurato nella città di Dakhla il “Centro internazionale di ricerca sulla prevenzione dei bambini soldato” dal Ministro degli Affari esteri, della cooperazione africana e dei marocchini residenti all’estero, Sig. Nasser Bourita, il Wali della regione di Dakhla Oued-Eddahab, il sig. Lamine Benomar, e il Presidente del nuovo Centro, Sig. Abdelkader Filali.

Intervenendo alla conferenza inaugurale il Ministro ha sottolineato la correlazione tra la mancata gestione dei campi di Tindouf e il reclutamento di bambini soldato, rilevando che il paese ospitante deve assumere la pienezza della sua imprescrittibile responsabilità internazionale, in particolare per quanto riguarda la sicurezza e la protezione dei bambini che vivono sul suo territorio.

L’indottrinamento e l’arruolamento di bambini da parte delle milizie armate del “polisario” costituiscono un crimine disumano, e una negazione dei diritti fondamentali dei bambini reclutati, nonché una flagrante violazione delle risoluzioni adottate dal Consiglio di Sicurezza.

Allo stesso modo, ha affermato che il Marocco è, in effetti, un attore importante nel mantenimento e nel consolidamento della pace, ricordando che il Regno ha partecipato dal 1960 a missioni di mantenimento della pace in tutti i continenti. Il Marocco è tra i primi 11 paesi che contribuiscono con i caschi blu nel mondo, con 1702 caschi blu schierati in Africa (MINUSCA, MONUSCO e UNMISS).

Il ruolo del Marocco è evidente anche in termini di impegno per la legalità internazionale, ha proseguito, rilevando che il Regno ha ratificato il 22 maggio 2002 il protocollo facoltativo alla Convenzione sui diritti dell’infanzia, riguardante i bambini soldato.

Il governo marocchino è impegnato ad attuare le disposizioni della Convenzione e quelle del Protocollo opzionale e ad assicurare l’armonizzazione della legislazione marocchina con i suoi principi.

Inoltre, esistono meccanismi e strumenti per la protezione dei bambini contro ogni forma di abuso, sfruttamento, violenza e criminalità organizzata, come l’Osservatorio nazionale per i diritti dell’infanzia, creato nel 1995, ha sottolineato il Ministro, aggiungendo che il Marocco ha adottato nel 2020 i principi di Vancouver sul mantenimento della pace e la prevenzione del reclutamento e dell’uso di bambini soldato.

Il coinvolgimento del Marocco è motivato anche dall’intreccio di molteplici cause e numerose conseguenze di questo fenomeno, ha affermato, citando a tal proposito i fattori che privano i bambini dei loro diritti più elementari, in particolare il verificarsi di terrorismo, radicalizzazione, sfruttamento, contrabbando e tratta di esseri umani, violenza sessuale o anche insicurezza alimentare.

Inoltre, il Ministro ha sottolineato che la scelta di Dakhla di ospitare il Centro internazionale di ricerca sulla prevenzione dei bambini soldato è un riconoscimento al ruolo del Marocco come promotore di pace, sicurezza e stabilità.

Attraverso questo Centro, il Marocco vuole contribuire al dibattito formulando proposte concrete in termini di sicurezza-sviluppo e del coordinamento degli sforzi della comunità internazionale, secondo un approccio plurale, sia globale che locale, accademico e politico, teorico e pratico, combinando lotta e prevenzione.

Allo stesso modo, ha affermato il Ministro, che l’obiettivo del Centro è fornire dati precisi, qualitativi e quantitativi per formulare un’azione informata dalla ricerca accademica.

Il Marocco chiede anche la fine dell’impunità per i responsabili del reclutamento e dell’uso criminale di bambini e di altre gravi violazioni, sostenendo il monitoraggio sistematico delle Nazioni Unite e la segnalazione delle violazioni dei diritti umani.

I dati a sostegno mostrano che la percentuale di bambini che vivono in zone di conflitto a rischio di essere reclutati e utilizzati da gruppi armati è triplicata, passando da meno del 5% nel 1990 (99 milioni di bambini) a più del 14% nel 2020 (337 milioni bambini), ha precisato.

“Il problema dei bambini soldato non è né marginale né dettagliato e contrariamente alla credenza popolare, questo fenomeno non è esclusivo dell’Africa”, ha aggiunto, rilevando che i bambini prendono parte al 75% dei conflitti in corso nel mondo, vivono oltre 460 milioni di bambini in una zona di conflitto nel 2022 e oltre il 15% dei bambini soldato sono ragazze.

©Ambasciata del Regno del Marocco - Italia - Via Brenta n° 12/16 – 00198, Roma - Tel: (+39) 06.85508001 / 06.8550801 - Fax: (+39) 06.4402695 - e-mail: ambmaroccoroma@maec.gov.ma