MAROCCO NEWS

Nuovo modello di sviluppo

23 agosto 2019

Rabat, 22/08/2019.  Il nuovo modello di sviluppo, che SM il Re Mohammed VI ha chiesto di materializzare nei discorsi Reali pronunciati in occasione della festa del Trono e in occasione dell’anniversario della Rivoluzione del Re e del Popolo, si basa su “Una visione Reale di cui siamo orgogliosi, perché caratterizza il nostro Paese dal suo approccio partecipativo e inclusivo di tutte le idee, opinioni e orientamenti all’interno della società”, ha detto giovedì a Rabat, il capo del governo, M. Saâd Dine El Otmani.

Questi due discorsi Reali includevano domande importanti, vale a dire “la preparazione dei contorni del nuovo modello di sviluppo e l’istituzione di una nuova generazione di strategie settoriali”, ha affermato il capo del governo all’apertura del Consiglio dei Ministri , sottolineando che il governo ha ripreso le sue riunioni settimanali invocando le linee guida Reali contenute in questi due discorsi.

In questo contesto, ha osservato la determinazione di SM il Re a mettere in atto un nuovo modello di sviluppo che “si afferma autenticamente marocchino”. Il Sovrano ha determinato il quadro generale di questo modello e le fasi del suo sviluppo e ha annunciato che l’esame di questa materia vitale sarà affidato alla commissione speciale sul modello di sviluppo, ha aggiunto.

La partecipazione delle diverse parti allo sviluppo di tali progetti illustra “la visione nazionale” che servirà ad accogliere il nuovo modello di sviluppo, ha continuato. Inoltre, il capo del governo ha ricordato la richiesta di SM il Re di istituire una nuova generazione di strategie settoriali, affermando che questa è “la responsabilità del governo” che darà loro l’interesse che meritano, sfruttando le esperienze accumulate e la valutazione di diverse strategie settoriali e politiche pubbliche.

Per quanto riguarda la riduzione delle disparità sociali e territoriali, il capo del governo ha espresso la determinazione del governo a continuare ad attuare le varie politiche e misure che raggiungono questo obiettivo e ad innovare in futuro.

Ha inoltre sottolineato la necessità di concentrarsi sulla classe media, il mondo rurale, l’agricoltura, la gioventù, l’occupazione e la formazione professionale, che sono tutti punti chiave del discorso Reale del 20 agosto.

Ha anche discusso del lavoro di regionalizzazione avanzata e di decentramento amministrativo, considerato uno dei più grandi progetti su cui il governo lavora.

“Abbiamo iniziato i lavori e siamo orgogliosi che il governo sia stato in grado di elaborare la carta di decentramento, attualmente in queste ultime fasi, per stabilire i piani generali che rappresentano una carta per il trasferimento di competenze dall’amministrazione centrale alle amministrazioni regionali” , ha detto.

Nello stesso contesto, il Capo del governo ha accolto con favore la mobilitazione dei vari dipartimenti, sapendo che il comitato direttivo responsabile dell’attuazione della carta amministrativa di decentramento ha tenuto diverse riunioni, approvato vari piani generali e organizzerà presto una riunione per approvare altri schemi, secondo un programma predefinito, al fine di disporre di una mappa chiara e completa e passare a una seconda fase di trasferimento e delega graduali di una serie di competenze nel corso degli anni 2020 e 2021.

Réunion du Conseil de gouvernement sous la présidence du Chef

©Ambasciata del Regno del Marocco - Italia - Via Brenta n° 12/16 – 00198, Roma - Tel: (+39) 06.85508001 / 06.8550801 - Fax: (+39) 06.4402695 - e-mail: ambmaroccoroma@maec.gov.ma